Giovanna Gatto – Biografia ITA

Pianista eclettica e curiosa, Giovanna Gatto si è diplomata sotto la guida di Maria Grazia Petrali e ha ottenuto il Biennio di specializzazione presso il Conservatorio G.Verdi di Como nella classe di Roberto Stefanoni, dopo un periodo di studi in Spagna con Juan I.Fernandez Morales. Si è perfezionata con Konstantin Bogino, Svetlana Bogino, Vladimir Ogarkov presso l’Accademia S.Cecilia di Bergamo.


Ha conseguito brillantemente il Master in Music Performance e il Master Pedagogy nella classe della pianista Patricia Pagny presso l’Hochschule der Künste di Berna (CH), dove ha studiato anche clavicembalo con Dirk Börner, organo con Benjamin Righetti e fortepiano con Edoardo Torbianelli.
Sempre attiva nell’approfondimento del repertorio solistico, ha seguito corsi tenuti da musicisti di chiara fama come Pier Narciso Masi, Andrea Turini, Aquiles Delle Vigne, Jeffrey Swann, Alexander Lonquich, Konstantin Scherbakov, Rodion Shchedrin.

Nel suo perfezionamento come musicista da camera in diverse formazioni, sono state fondamentali le lezioni e i corsi tenuti da Robert Levin, Teodoro Anzellotti, Patrick Jüdt, Conradin Brotbek, Ernesto Molinari, David Eggert, Thomas Riebl, Benjamin Schmidt, Peter Bruns, Corinna Belcea, Francesco Gesualdi.

Dopo la maturità scientifica, ha inoltre conseguito la laurea di I livello in Economia per Arte, Cultura e Comunicazione presso l’Università Bocconi di Milano.

Ha suonato presso numerose organizzazioni e Festivals in Italia e in tutta Europa – Croazia, Francia, Paesi Bassi, Slovenia, Spagna e Svizzera tra gli altri – sia come solista che in formazioni da Camera. Ha collaborato con direttori d’orchestra quali Simone Ori, Massimo Merone, Riccardo Bovino, Christopher Warren-Green, che l’ha diretta presso il Kultur-Casino di Berna (CH). Ha eseguito con orchestra il III Concerto di L.V. Beethoven, il concerto K449 e K466 di W.A. Mozart, il Concerto in Re minore di J.S. Bach.

Sia come solista che camerista, ha ricevuto numerosi riconoscimenti in concorsi nazionali ed internazionali ed ha ottenuto il sostegno della Inner Wheel-Rotary Club; grazie all’approfondimento ed alla ricerca sulla musica pianistica di Ottorino Respighi, ha conseguito la sponsorizzazione della fondazione “Iréne Dénéréaz” di Losanna (CH). Tale progetto le ha permesso di collaborare con il musicologo Potito Pedarra, con il quale sta curando l’incisione dell’integrale dell’opera pianistica di Respighi per l’etichetta londinese “Toccata Classics” (EN).

Da sempre molto curiosa verso le nuove forme compositive, ha preso parte a diverse prime esecuzioni, sia come solista che come camerista, ed ha inciso musiche di Ravel, Debussy, Castelnuovo-Tedesco, Akaishi e Prokofiev per le etichette “Acustica Records” in Germania e “Tasti’Era Projects” in Francia. Collabora con l’Ensemble GAMO, suonando all’interno della stagione di musica contemporanea del Maggio Musicale Fiorentino e presentando anche prime esecuzioni.

Ha partecipato all’ensemble curata dal fratello Vito Gatto che propone rivisitazione di brani di musica classica in chiave elettronica: il rework del Claire de Lune di Debussy è promosso da Decca Records Classics 2017.

Ha dato vita al duo “88 tasti per due“ col quale si dedica all’ approfondimento della musica da camera per fisarmonica e pianoforte sia contemporanea e originale, che trascritta per questo speciale Ensemble. Grazie a tale formazione, ha collaborato con compositori come Carlo Galante (IT) e Fergus Johnstone (IRL), eseguendo composizioni in prima esecuzione dedicate al duo.
Il progetto ha ottenuto il sostegno della fondazione “Pro Helvetia” e della “Fondation Suisa”(CH), in qualità di formazione da camera scelta per partecipare all’edizione 2018 del “Classical:NEXT” di Rotterdam (NL).

Da sempre molto attiva in campo didattico, Giovanna insegna Pianoforte e musica da Camera presso le Musikschule del Cantone di Solothurn (CH), è docente di Pianoforte e Pratica e lettura pianistica presso l’ISSM “G.Puccini” di Gallarate, è docente di Pianoforte e Musica da Camera presso i corsi pre-accademici dell’ISSM “F. Vittadini” di Pavia.